Mutui Ristrutturazione Prima Casa, Requisiti per i Giovani

mutuo-prima-casa

I giovani che decidono di andare a vivere da soli, oppure con la moglie o la fidanzata, spesso hanno bisogno di acquistare la casa con un mutuo. Ma non mancano i casi in cui i giovani si recano in banca non per chiedere un mutuo acquisto casa, ma un mutuo ristrutturazione prima casa.

E questo perché magari l’immobile è stato donato dai nonni oppure dai genitori. I requisiti per chiedere ed ottenere i Mutui ristrutturazioni prima casa sono sostanzialmente gli stessi di quelli per accedere ai mutui per acquisto di immobili a partire dalla necessità di dover esibire alla banca o alla società finanziaria un reddito dimostrabile.

Mutui ristrutturazione prima casa per giovani precari

Da questo punto di vista ci sono banche che vengono incontro ai giovani erogando mutui anche a soggetti che, per quel che riguarda il reddito da esibire, non hanno un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

In pratica in tal caso il mutuo ristrutturazione prima casa viene concesso dall’Istituto di credito nel rispetto di opportune condizioni, e tra queste spesso c’è la stipula di una polizza a copertura del rischio di credito in presenza di eventi negativi a partire dalla perdita del posto di lavoro.

Mutui ristrutturazione prima casa per giovani coppie

Se i giovani richiedenti un mutuo ristrutturazione sono anche giovani coppie, allora il finanziamento ipotecario, sempre a fronte del rispetto di requisiti ben precisi, può essere stipulato con l’aiuto dello Stato italiano, ed in particolare accedendo al cosiddetto Fondo di garanzia per i mutui prima casa.

Nel dettaglio, grazie al Fondo le giovani coppie che sono nuclei familiari costituiti da almeno due anni, coniugati oppure conviventi more uxorio, con uno dei componenti che abbia età inferiore ai trentacinque anni, possono sfruttare la garanzia statale su una quota fino al 50% della quota capitale del mutuo.

Ed il tutto a patto che il mutuo da erogare non superi la soglia dei 250 mila euro. Nel rispetto di tutti i requisiti richiesti, per l’accesso al Fondo di garanzia per i mutui prima casa non è previsto il rispetto di specifici limiti di reddito da parte dei mutuatari.

Per chiedere ed ottenere l’erogazione di un mutuo ristrutturazione casa con l’accesso al Fondo di Garanzia occorre rivolgersi ad una delle banche aderenti. La lista aggiornata degli Istituti di credito che aderiscono alla misura di agevolazione statale è consultabile sul sito Internet della Consap, Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici, che è tra l’altro il gestore del Fondo di garanzia per i mutui prima casa.

Dal punto di vista legislativo il Fondo di garanzia per i mutui per la prima casa è stato istituito presso il Mef, il Ministero dell’economia e delle finanze, in forza ai contenuti che sono presenti nella legge 27 dicembre del 2013.

Dopodiché, in data 8 settembre del 2014, il Ministero dell’economia e delle finanze e l’Associazione Bancaria Italiana (ABI) hanno siglato un apposito protocollo d’intesa grazie al quale, da parte delle banche e degli intermediari finanziari, sono state disciplinate le modalità di adesione al Fondo di garanzia per i mutui per la prima casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *